Blog

LA TUTELA DEL PATRIMONIO AMBIENTALE

MARTEDI’ 12 GIUGNO ORE 12, SEDE FONDAZIONE FICO (SPAZIO 118 PARCO AGROALIMENTARE EATALY WORLD) NELL’AMBITO DEL CICLO DI INCONTRI “IL FALSO IN TAVOLA” LEZIONE DEL GENERALE GIUSEPPE GIOVE, COMANDANTE REGIONE CARABINIERI FORESTALE EMILIA ROMAGNA. L’ITALIA E IL SUO – IL NOSTRO – PATRIMONIO AMBIENTALE: COME TUTELARLO AL MEGLIO? SOLO NEL 2016 ACCERTATI 25.889 ECOREATI, 71 AL GIORNO, 1 OGNI 3 ORE, BUSINESS DA 13 MILIARDI.

NEL 2017 IN EMILIA-ROMAGNA EFFETTUATI OLTRE 42 MILA CONTROLLI, CON 651 ILLECITI PENALI E 2446 AMMINISTRATIVI, IMPORTO CONTESTATO OLTRE 1.380.000 EURO, 154 I SEQUESTRI LEGATI A REATI AMBIENTALI.

BOLOGNA – Terzo appuntamento per il ciclo di incontri Il falso in tavola, promosso da Fondazione FICO con il Comando Legione Carabinieri Emilia Romagna. Martedì 12 giugno, alle 12 nella sede della Fondazione FICO (spazio 118 Parco Agroalimentare Eataly World), riflettori sull’incontro dedicato a “La tutela del patrimonio ambientale”, a cura del Gen. Giuseppe Giove Comandante Regione Carabinieri Forestale Emilia Romagna. L’Italia ha un patrimonio di biodiversità fra i più preziosi d’Europa e del mondo: un sistema che include circa 900 aree protette, ma solo nel 2016 sono stati accertati ben 25.889 ecoreati, 71 al giorno, 1 ogni 3 ore, per un business di circa 13 miliardi. Domani a Fondazione FICO il Generale Giove evidenzierà le connessioni fra reati ambientali e tutela della salute pubblica con particolare riferimento al rapporto fra normativa comunitaria e nazionale e alle problematiche connesse all’applicazione della legge sugli ecoreati con alcuni spunti riflessivi finalizzati ad una azione di educazione ambientale. Nel 2017 solo in Emilia- Romagna sono stati effettuati oltre 42 mila controlli, con 651 illeciti penali e 2446 amministrativi, 5 arresti e 29 perquisizioni. Importo contestato per gli illeciti amministrativi pari a oltre 1.380.000 euro, 154 i sequestri legati a reati ambientali. Fra le operazioni di spicco: il sequestro di rifiuti industriali speciali pericolosi fra Ferrara e Macerata (la cosiddetta ‘operazione Plin’), l’operazione “Free light” a Reggio Emilia in occasione dell’Esposizione internazionale Ornitologica, il sequestro record di marijuana (oltre 2 tonnellate) ad opera dei Carabinieri Forestali dell’Ufficio territoriale Biodiversità di Casal Borsetti (Ravenna), il contrasto alla pesca abusiva in provincia di Ravenna e l’operazione “Cannabis Hill” alle porte di Rimini. Con l’introduzione dell’ecoreato sono stati introdotti nuovi strumenti giuridici per la tutela del patrimonio ambientale nazionale: perseguire questo obiettivo significa valorizzare l’impegno per l’integrazione fra ambiente e tessuto economico del territorio e del Paese.

Il Generale Giuseppe Giove, vincitore del Premio NazionaleAmbiente e Legalita’ 2016 che gli è stato consegnato alla presenza dal Vice Presidente della Camera DI MAIO, si è distinto per il forte impegno di contrasto a molte forme di criminalità ambientale in Italia e in Emilia-Romagna. Ha monitorato le infiltrazioni criminali post-terremoto 2012 in Emilia-Romagna connesse a trasporti di macerie ed illeciti urbanistici ed ambientali e gli illeciti legati al trasporto di cibo in contesti contaminati da amianto e rifiuti pericolosi. Al Gen. Giove è stato riconosciuto il grande impegno nella lotta ai crimini ambientali ed alle ecomafie. Lunghissima la lista delle indagini a cui ha partecipato e collaborato con varie Procure territoriali ed Antimafia negli anni di servizio svolto tra Lazio, Basilicata, Lombardia ed Emilia-Romagna, tra cu il caso “Ilaria Alpi”, il caso “Cemerad” ed il traffico illecito di materiale radioattivo. È stato inoltre membro della Commissione Nazionale sulle Ecomafie, presieduta dall’allora Ministro dell’ambiente Edo Ronchi e formata da magistrati, professori universitari e studiosi della materia, che ha redatto la proposta di inserimento nel codice penale di delitti contro l’ambiente, a cui si è in gran parte ispirata la recente legge n. 68/2015 sugli ecoreati.

 

LUOGO:

sede di Fondazione FICO Spazio 118 FICO Eataly World [vicino alla GIOSTRA 6 “IL FUTURO”]

Contatti: info@fondazionefico.org – Tel. +39 051 2860327

Ufficio stampa: press@fondazionefico.org – Cell +39 392 2067895