Blog

Diritti e doveri dell’energia

Lunedì 9 aprile ARENA FICO EATALY WORLD, ORE 11.00, sì è tenuta la quarta Lezione per la generazione Z promossa da Fondazione FICO, dedicata ai “Diritti e doveri dell’energia”. Vincenzo Balzani, Professore Emerito Università Alma Mater Studiorum Bologna e dell’Accademia dei Lincei, ha spiegato come l’energia sia la risorse più importante del nostro pianeta.

Introduce Andrea Segrè, presidente Fondazione FICO

        GUARDA IL VIDEO DELLA LEZIONE

Come ovviare all’uso dei combustibili fossili che producono anche sostanze dannose all’ambiente e alla salute? Se nel 2013 l’inquinamento dell’aria ha provocato in Europa 467 mila morti premature, nel 2016 in provincia di Bologna si sono registrati 108 decessi e 306 ricoveri per le PM2,5.

BOLOGNA – FICO Eataly World, il più grande Parco Agroalimentare del mondo, è alimentato dall’impianto fotovoltaico su tetto più vasto d’Europa: quello del CAAB, Centro Agroalimentare di Bologna, che sarà a breve potenziato di oltre 450mila kilowatt e vanta attualmente una produzione energetica pari circa a 15 MWh. Il tema dell’energia in rapporto alla sostenibilità della produzione agroalimentare è uno dei riferimenti prioritari per CAAB, così come per la Fondazione FICO per l’Educazione Alimentare e alla Sostenibilità. Per questo la quarta Lezione per la generazione Z promossa da Fondazione FICO è dedicata ai “Diritti e doveri dell’energia”: lunedì 9 aprile, alle 11.00 nell’Arena di FICO Eataly World, sarà Vincenzo Balzani, Professore Emerito dell’Università Alma Mater Studiorum dell’Università di Bologna e dell’Accademia dei Lincei, a tenere una Lezione magistrale rivolta ai giovani e giovanissimi, ma aperta alla città e a chiunque voglia addentrarsi nelle questioni più attuali legate all’energia e alla sua produzione rispettosa dell’ambiente.Info www.fondazionefico.org «La Terra su cui viviamo – spiega l’illustre docente – è una specie di astronave che viaggia nell’infinità dell’universo. È però un’astronave del tutto speciale perché non potrà mai fermarsi per rifornirsi di risorse e per smaltire rifiuti. Possiamo contare solo sulla luce che ci arriva dal sole e sulle risorse limitate che si trovano nella stiva dell’astronave. I rifiuti non possiamo eliminarli, ma solo collocarli nell’aria, sulla terra o nei mari. L’energia è la risorse più importante. Per millenni L’UOMO ha bruciato legno, poi da circa due secoli brucia combustibili fossili: carbone, petrolio e metano. Si tratta però di risorse non rinnovabili, quindi destinate a esaurirsi».

Nella conferenza COP21 di Parigi sui cambiamenti climatici organizzata dalle Nazioni Unite nel dicembre 2015, 195 nazioni hanno raggiunto un accordo per limitare, entro il 2050, l’aumento del riscaldamento globale a meno di 2 °C rispetto ai livelli pre-industriali; cosa che, ovviamente, non potrà avvenire se non rinunciando ai combustibili fossili, prima ancora che si esauriscano. L’uso dei combustibili fossili produce anche sostanze dannose all’ambiente e alla salute. Nel 2013 l’inquinamento dell’aria ha provocato in Europa 467 mila morti premature. E nel 2016 in provincia di Bologna si sono registrati 108 decessi e 306 ricoveri per le PM2,5. Vincenzo Balzani è anche il coordinatore del gruppo di scienziati energiaperlitalia che ha più volte sollecitato il Governo ad accelerare la transizione dall’uso dei combustibili fossili a quello delle energie rinnovabili. In merito a questo tema osserva: «la transizione dall’uso dei combustibili fossili a quello delle energie rinnovabili, pur essendo una condizione necessaria, non è di per sé sufficiente per la sostenibilità ecologica. E’ indispensabile anche ridurre il consumo di energia e di ogni altra risorsa, particolarmente nei paesi sviluppati come il nostro dove regna lo spreco».

Vincenzo Balzani, Professore Emerito dell’Università di Bologna e Accademico dei Lincei, è autore di più di 500 pubblicazioni su riviste internazionali riguardanti le reazioni chimiche provocate dalla luce e l’ideazione di dispositivi e macchine molecolari. Alla ricerca scientifica affianca un’intensa attività di divulgazione sul rapporto fra scienza e società e fra scienza e pace, con particolare riferimento ai temi dell’energia e delle risorse. E’ convinto che gli scienziati abbiano una grande responsabilità che deriva loro dalla conoscenza e che quindi siano in dovere di contribuire a risolvere i problemi dell’umanità, quali quelli connessi all’attuale crisi energetico-climatica. E’ autore, fra l’altro, dei libri: N. Armaroli, V. Balzani: Energy for a Sustainable World,Wiley-VCH, 2011; V. Balzani, M. Venturi: Energia, risorse, ambiente, Zanichelli, 2014; N. Armaroli, V. Balzani: Energia per l’astronave Terra, Terza edizione: l’era delle rinnovabili, Zanichelli, 2017.

 

press@fondazionafico.org